Necropoli preistorica di Thapsos

La necropoli preistorica di Thapsos (Θαψός in greco antico), costituisce la parte più evidente di uno dei più importanti siti protostorici siciliani.

La mia visita guidata è particolarmente consigliata a chi vuol visitare qualcosa di diverso dai classici itinerari turistici nella zona, ma di alto valore storico-archeologico.

Dovete sapere che Thapsos è il centro eponimo per la cosiddetta Cultura di Thapsos, che in Sicilia identifica la media età del bronzo. Il sito, localizzato sulla Penisola di Magnisi, nel comune di Priolo Gargallo, in provincia di Siracusa, è stato scavato dall’archeologo Giuseppe Voza.

È stata individuata una necropoli suddivisa in tre settori, due dei quali con tombe a grotticella artificiale scavate nella roccia. Si possono trovare anche delle sepolture a camera caratterizzate da vaste dimensioni, alzato a forma di tholos con cella circolare e vestibolo servito da dromos. Nella zona centrale della penisola è stata trovata una necropoli coeva con sepolture ad enchytrismòs dove gli inumati venivano posizionati senza corredo in recipienti ovoidali cordonati (pithoi) e sistemati in concavità naturali della roccia.

L’abitato occupava l’area circostante l’istmo. Gli scavi hanno individuato le fondazioni di edifici appartenenti probabilmente a due diverse fasi: quella più antica con grandi capanne circolari e quella più recente con edifici rettangolari spesso raccolti intorno a cortili pavimentati con acciottolato.

I reperti provenienti dalle necropoli e dall’abitato sono esposti nel Settore A del Museo Archeologico Regionale “P. Orsi” di Siracusa.

Da sapere

– Durata della visita: 2 ore circa

– Ingresso gratuito

– Consiglio di abbinarvi la visita alla vicina Area Archeologica di Megara Hyblaea