Il c.d. Ginnasio Romano di Siracusa

A Siracusa, lungo la Via Elorina, si trova il cosiddetto Ginnasio Romano.

Scoperto nel 1864 da Francesco Saverio Cavallari nelle terre Bufardeci, tra la spiaggia del Porto Grande ed il sito denominato “i tre Montoni”, fu erroneamente definito “Bagno Bufardeci”, “Bagno di Venere”, “Bagno di Diana”, “Timoleonteion” e “Piccolo Teatro Romano”.

Si tratta di un affascinante ed enigmatico monumento di età romana imperiale, sul quale negli anni sono state formulate varie ipotesi dagli archeologi che si sono succeduti nell’esplorazione del sito: ginnasio, teatro, santuario o altro?

Si accede al monumento dall’angolo sud, che immetteva in un triportico. Al centro di quest’ultimo, vi sono i resti di un tempietto su podio di tipo italico del quale si conservano diversi elementi architettonici dell’alzato che era di ordine corinzio. Ma a chi era dedicato questo tempio? Filippo Coarelli ha avanzato l’ipotesi che si possa trattare di un santuario dei culti orientali/Serapeion. Il retro del tempietto fa da scena ad un’ampia cavea teatrale che poteva contenere circa 3500 spettatori.

La cattedra di Rilievo e Analisi Tecnica dei Monumenti Antichi dell’Università degli Studi di Catania, nella figura del Prof. Francesco Tomasello e della sua équipe (di cui faccio parte), ha effettuato le più recenti attività di studio e scavo all’interno del sito archeologico, ora in corso di pubblicazione. Il saggio di scavo ha interessato l’area immediatamente sottostante al muro nord del portico, al fine di indagarne le modalità costruttive per una revisione della cronologia e della più verosimile destinazione d’uso dell’edificio nelle sue distinte fasi costruttive. 

Siracusa ed il Sud-Est, così ricchi di cultura e delle testimonianze materiali dei popoli qui giunti, merita che i suoi monumenti siano conosciuti e valorizzati, poiché molti sono quelli non curati e poco noti, perfino agli stessi siracusani.

In occasione della XXVI Giornata Internazionale della Guida Turistica prevista per il 21 e 22 Febbraio 2015 sono state tenute delle visite guidate gratuite all’interno del monumento. Oggi, invece, esso è chiuso al pubblico e versa in uno stato di totale abbandono, invaso dalla vegetazione.

Se avete gradito quest’articolo potete condividerlo sui social network, grazie!

Commenti chiusi